Stampanti che non stampano

Stampanti che non stampano

input-output
Benvenuto su Input/Output: la blogletter in cui ogni martedì commento la notizia che mi ha più colpito del mondo tech.

Con il numero di disavventure che ho incontrato combattendo contro le stampanti potrei scrivere un libro.

E non sarebbe di poche pagine!

Di una delle mie vicende con Ubuntu ne avevo anche parlato qualche tempo fa tra le pagine di questo blog.

Quello che però oggi mi fa incazzare di brutto (a quanto pare "incazzare" è una parola presente nel dizionario Italiano) è questo: non posso stampare o scannerizzare documenti tramite l'applicazione ufficiale della MIA stampante dopo che ho speso i MIEI soldi per comprarla.

La storia più o meno è questa: è sabato mattina e io sono ancora a letto. Mi chiama all'improvviso papà per dire che ha bisogno che gli mandi urgentemente la scansione di un foglio che ha lasciato a casa.

Risveglio brusco a parte, non ci sono problemi. Prendo il foglio dalla scrivania, lo infilo dentro lo scanner, sblocco il mio iPad e apro l'applicazione ufficiale della stampante.

L'app mi avverte subito che la sessione scaduta è che devo provvedere a rifare il login.

Nella mia testa penso: "va bene, devo solo scansionare, rifarò l'accesso al mio account in un secondo momento".

E qui iniziano a volare le prime imprecazioni: non è possibile scansionare alcunché senza prima fare il login al proprio account.

A questo punto faccio un bel respiro profondo e mi dico: "bella rottura questa, fortuna che ho già creato l'account qualche tempo fa. Devo solo rifare il login".

Sblocco il password manager, inserisco username e password e questo è il messaggio che ricevo: You need to enable JavaScript to run this app.

Maledizione.

Impossibile fare l'accesso: devo abilitare JavaScript. Peccato che non sia possibile farlo
Ma li provano i software che realizzano?

Va bene dai, non importa, un bug può capitare anche ai migliori. Proviamo la soluzione che risolve il 99% dei problemi informatici del mondo: chiudere e riaprire l'applicazione.

Niente da fare, stesso errore.

Ci riprovo un altro paio di volte ma non c'è verso di risolvere la situazione. Nel frattempo il tempo passa e papà mi richiama per sapere che fine ha fatto questo benedetto documento.

Il numero di imprecazioni cresce notevolmente.

Dopo un altro paio di prove e tentativi vari mi arrendo: accendo il computer fisso ed eseguo la scansione con Ubuntu senza la necessità di dover utilizzare per la penosa applicazione ufficiale.

Anche questa volta un'operazione da 1 minuto si è trasformata in un quarto d'ora di puro odio per le stampanti.

Ormai il fatto che le stampanti siano macchine diaboliche in grado di fiutare la fretta e di incepparsi proprio nel momento del bisogno è una cosa che ho provato e riprovato sulla mia pelle. Ma che si mettesse di traverso pure il produttore della stampante con richieste che sono assolutamente ostili nei confronti del proprio cliente, non mi era ancora mai capitato.

Perché per scansionare un documento serve un account? Io la stampante l'ho comprata con i miei soldi e voglio poterla usare senza dover necessariamente avere un account. Posso anche accettare che tramite l'accesso con l'account mi vengano offerti servizi aggiuntivi, è una mia scelta, ma l'utilizzo base del dispositivo me lo devi garantire senza che debba registrarmi ad alcunché.

Inoltre da sviluppatore, non posso fare a meno di chiedermi se chi si occupa del rilascio degli aggiornamenti dell'applicazione si siano almeno degnato di dare una provarla o meno prima della pubblicazione. Il fatto che non sia possibile effettuare l'accesso all'applicazione mi fa pensare che il codice non sia stato minimamente provato!

I bug sono presenti in qualsiasi applicazione, ma che non sia possibile portare a termine nemmeno l'happy path lo reputo offensivo nei confronti del cliente.

Morale della favola? Non comprerò mai più una stampante HP (mi dicono che Brother possa essere un buon marchio).

Ti è mai successa una cosa del genere? Hai qualche stampante da consigliarmi?


Grazie per aver letto questo articolo della rubrica Input/Output.
Ad ogni input, tipicamente, corrisponde un output. E solo esponendosi ad input diversi si possono tirare fuori idee non convenzionali. Proprio per questo ogni martedì prendo in input una curiosità legata al mondo tecnologico per ragionare su nuove idee da tirare fuori in output.