"Caro politico distratto, per favore fai attenzione!"

Benvenuto su Input/Output: la blogletter in cui ogni martedì commento la notizia che mi ha più colpito del mondo tech.

Piove, governo ladro!

Che il mestiere del politico non sia tra i più apprezzati dal grande pubblico è ben noto a tutti. Qualsiasi male accada, compresa le pioggia, è sempre ritenuta colpa del potere costituito.

Proprio al fine di raggiungere la massima trasparenza sull'operato dei parlamentari del Belgio, il governo ha deciso di trasmettere in diretta su YouTube tutte le sedute. In questo modo qualunque cittadino può connettersi alla diretta e verificare in real-time che i propri rappresentanti stiano facendo ciò per cui sono stati votati.

A abusare sfruttare le potenzialità di questo sistema per il controllo dell'operato dei politici ci ha pensato l'artista Belga Dries Depoorter creando il bot: The Flemish Scrollers.
Questo bot sfrutta il riconoscimento del volto dei deputati per individuarli e "sgridarli" pubblicamente su Twitter e Instagram se viene rilevato che stiano passando troppo tempo a guardare lo schermo del proprio cellulare.

Di seguito puoi vedere uno degli ultimi Tweet pubblicati dal bot:

Al di là delle facili battute che vengono in mente in questa situazione, questi tweet evidenziano come sia facile abusare dei software per la sorveglianza digitale.
Chi è che può confessare di non sbirciare mai i social network durante l'orario di lavoro? E chi può dire se il politico in questione stesse rispondendo ad una email urgente da parte dei suoi collaboratori o se stesse giocando a fruit ninja?

Il solo vedere una persona guardare a lungo il telefono sul posto di lavoro non è sufficiente a dire se si stia prendendo una meritata pausa dopo aver faticato o se invece sia un lavativo.
Inoltre non credo che la quantità di tempo che un politico passa a guardare lo smartphone sia una buona metrica per valutare il suo operato.

Oggi questo strumento viene usato per controllare i politici distratti e strappare un sorriso sui social ma chi mi garantisce che un domani non venga applicato per controllare tutti? Non so tu, ma io non vorrei mai avere un qualcuno/qualcosa che sorveglia qualsiasi cosa io faccia. Per questo motivo trovo molto preoccupante vedere con che facilità e che precisione sia stato possibile realizzare un software di questo tipo.

E tu che ne pensi di uno strumento del genere?


Grazie per aver letto questo articolo della rubrica Input/Output.
Ad ogni input, tipicamente, corrisponde un output. E solo esponendosi ad input diversi si possono tirare fuori idee non convenzionali. Proprio per questo ogni martedì prendo in input una curiosità legata al mondo tecnologico per ragionare su nuove idee da tirare fuori in output.

Fonte